FANDOM


Jovan era un Toa del Magnetismo e il leader del primo team che recuperò la Kanohi Ignika. È poi diventato il Turaga di Voya Nui.

BiografiaModifica

ToaModifica

Jovan era in origine un Fa-Matoran, che fu poi trasformato in Toa. Jovan incontrò Lesovikk durante i suoi viaggi e i due si scambiarono alcune opinioni sui loro metodi di combattimento. Circa 79000 anni fa, la Guerra Civile Matoran fece deteriorare lo stato di salute del grande spirito. Jovan e il suo team, per evitare la morte di Mata Nui, si recarono quindi nella Camera della Vita sotto Voya Nui e, dopo aver superato i vari guardiani della maschera, tra cui Umbra, recuperarono la Kanohi Ignika. Dopo che uno dei Toa si era sacrificato per utilizzare la Ignika, Jovan completò il suo destino e divenne un Turaga.

TuragaModifica

Divneuto Turaga, Jovan decise di rimanere su Voya Nui e divenne la guida dei Matoran locali. Durante il Grande Cataclisma, quando Voya Nui si staccò dal Continente Meridionale e divenne un'isola su Aqua Magna, Jovan rimase ucciso. È stato poi teletrasportato sulla Stella Rossa per essere rianimato e rinviato nell'Universo Matoran, ma il sistema della stella ha malfunzionato e Jovan vi è rimasto bloccato.

Personalità e poteriModifica

Come Toa, Jovan preferiva combattere attraverso la mente e analizzare le situazioni, invece di attaccare il nemico attraverso la forza bruta. In quanto Toa del magnetismo, poteva aumentare o diminuire il magnetismo in un'area, manipolare tramite magnetismo i metalli e rilasciare un raggio energetico magnetico. Questi poteri si sono notevolmente ridotti quando è divenuto un Turaga.

Maschera e strumentiModifica

Come Toa, Jovan indossava una grande Kadin, che gli consentiva di volare. Portava una spada come strumento, con cui poteva incanalare i suoi poteri elementali, e un primitivo tipo di Lanciatore Zamor.

SetModifica

Toa Jovan può essere costruito unendo i pezzi dei set del 2006 di Hahli (8728), Nuparu (8729) e Hewkii (8730). Le sue istruzioni sono state rilasciate nel Magazine LEGO di settembre-ottobre 2006.