FANDOM


"Chiuse i suoi occhi e richiamò a sé tutto il suo potere. Se aveva dubbi o rimpianti, li ignorò. Helryx avrebbe fatto cosa aveva sempre fatto: qualunque cosa necessaria."

—Narratore, Reign of Shadows

Helryx è la prima Toa mai creata e la leader dell'Ordine di Mata Nui.

BiografiaModifica

Primi anniModifica

Helryx venne creata dai Grandi Esseri su Artakha, venendo alla luce già come Toa. Partecipò poi alla costruzione di Metru Nui e assisté personalmente alla creazione dei Toa Mata. Era anche un membro della Mano di Artakha. Quando la Mano venne sciolta, Helryx decise di fondare una nuova organizzazione segreta che seguisse il volere di Mata Nui e diede così vita all'ordine di Mata Nui.

Ordine di Mata NuiModifica

Dopo la creazione dell'ordine, Helryx stabilì la sua base sull'isola di Daxia ed introdusse la regola che Matoran, Toa e Turaga non potessero unirsi all'organizzazione, avendo da compiere un loro destino e dovendo seguire il Codice Toa. Basandosi su degli studi da lei condotti sui Ce-Matoran, Helryx addestrò poi se stessa e tutti i membri dell'ordine in modo che avessero una schermatura mentale. Quando i Toa Mata vennero trasportati su Daxia e risvegliati per la prima volta, Helryx li presentò l'un l'altro e insegnò loro a seguire le Tre Virtù, affindandoli poi all'addestramento di Hydraxon. Mentre armoreggiava nella sua sala con un veicolo, Helryx venne in seguito interrogata da Tahu e Kopaka e rivelò loro lo scopo del Codrex e i pericoli che avrebbero affrontato a Karda Nui. La Toa passò le successive decine di migliaia di anni guidando l'ordine in tutta segretezza e assicurandosi che il volere di Mata Nui venisse rispettato. Dopo il Grande Cataclisma, Helryx pensò soprattutto a tenere d'occhio la Confraternita dei Makuta. Quando i Toa Nuva vennero teletrasportati su Daxia da Botar, Helryx spiegò loro la funzione della Lancia di Artakha, che venne poco dopo utilizzata in una cella speciale per riparare tutti i danni causati nell'universo dal Grande cataclisma. Helryx prese poco tempo dopo una decisione cruciale: rivelare pubblicamente l'esistenza dell'ordine e muovere guerra contro la Confraternita. Prima, però, si recò con Krakua su Metru Nui, dove conobbe Takanuva ed utilizzò un Kratana per mostrargli con una visione la storia dei Toa Mata. Krakua gli donò invece una Meridiana, che gli sarebbe servita per un viaggio verso Karda Nui. Takanuva, perplesso, disse che i Toa Mahri avevano bisogno di lui per proteggere la città, ma Helryx rispose che sarebbero stati aiutati. Apparve infatti sul posto Brutaka e Takanuva capì che questo era "l'aiuto" a cui si era riferita Helryx, esprimendo il suo disaccordo per la decisione. Helryx assicurò al Toa di sapere cosa stava facendo e gli disse che doveva recarsi a Karda Nui per informare i Toa Nuva che, una volta risvegliato Mata Nui, una Tempesta Energetica avrebbe spazzato via la zona. Brutaka usò quindi la sua Olmak per permettere a Takanuva di raggiungere in fretta i Toa.

Guerra contro la ConfraternitaModifica

Helryx iniziò ora a preparare una guerra a tutto campo contro la confraternita, un conflitto a cui si riferiva con il nome di "Guerra del destino". Per prima cosa, disse a Brutaka, ancora membro "in libertà vigilata", di assemblare un piccolo gruppo di prigionieri emarginati e li inviò in una rischiosa missione su Artidax per liberare Miserix, il primo leader della Confraternita. Nonostante avesse promesso a Takanuva che Brutaka sarebbe rimasto a Metru Nui per assistere i Toa Mahri, lo incaricò così di guidare la spedizione. Inviò poi Krakua e il Sostituto di Botar ad incontrare Axonn e portarlo su Daxia per informarlo della guerra, mentre inviò un messaggio in codice ad Ancient, una spia tra i Cacciatori Oscuri, ordinandogli di contattare l'oscuro e convincerlo ad allearsi con l'ordine, o ucciderlo. Quando Brutaka tornò vittorioso dalla sua missione, Helryx lo incaricò con Axonn di recarsi su Zakaz e stringere un'alleanza con i signori della guerra locali contro la Confraternita. L'oscuro accettò la proposta dell'ordine ed Helryx gli ordinò di occupare militarmente Xia, impedendo alla Confraternita di raggiungerla. Il leader dei cacciatori, però, sbarcò con una possente flotta sull'isola ed iniziò a distruggerla, perciò Helryx si recò personalmente su Xia ed incontrò l'oscuro, minacciandolo e convincendolo a seguire le sue indicazioni. Affidò poi ai Toa Hagah, presenti sul posto, una nuova missione: cercare e trovare Makuta Teridax. Diede inoltre loro Zaktan come guida. Quando la guerra iniziò, la Toa inviò un messaggio a Hydraxon per liberare i Barraki e convincerli a combattere per lei contro la Confraternita. Allo stesso tempo, inviò Johmak dai Toa Mahri per consegnare loro il Cuore dei Visorak e dir loro di utilizzarlo su Artidax. Helryx decise poi di scendere in campo personalmente e convinse Keetongu a sostenere la sua causa, promettendo alla creature che i Visorak sarebbero stati cancellati dall'esistenza. La coppia si recò su Nynrah, dove le forze della Confraternita erano appena state sconfitte, e Helryx utilizzò la sua Kanohi, la Maschera della Psicometria, su un'inutilizzabile armatura Rahkshi, cercando di scoprire dove fosse stata generata. Riuscì a localizzare così una fonte di Protodermis Energizzato, dove Chirox aveva lavorato con la sostanza per creare i Rahkshi, in un'isola non molto distante. Arrivataci con Keetongu, Helryx trovò la fonte, che si era personificata in una misteriosa entità senziente. Cercò di informare la sostanza dei mali che aveva causato e minacciò di distruggerla, perciò l'entità, in risposta, generò un'onda anomala di se stessa, preparandosi ad inondare i due e distruggerli. Sul momento di essere investiti, Helryx e Keetongu vennero però risucchiati in un portale dimensionale, creato accidentalmente da Vezon, che li teletrasportò nel Processore del Nucleo. Poco dopo si aprì un altro portale, da cui fuoriuscirono Axonn e Brutaka, quest'ultimo circondato da una misteriosa aura verde. Oltre a loro erano già presenti Miserix, i Toa Hagah e Zaktan. Il gruppo iniziò a discutere sul luogo in cui si trovava, quando all'improvviso Teridax rivelò la sua presenza nei macchinari del processore e distrusse la Olmak di Brutaka per non permettere loro di fuggire, dopodiché generò un'onda sonica con cui uccise, apparentemente, Zaktan. Dopo aver chiuso Miserix in una potente illusione ed aver influenzato le menti dei Toa Hagah per far loro lasciare la sala, il Makuta teletrasportò Axonn, Brutaka e Keetongu in una sperduta zona delle Isole Meridionali, lasciando con lui, cosciente, solo Helryx. Teridax le disse che sarebbe rimasta con lui per assistere al suo dominio assoluto sull'universo, ormai prossimo, e la Toa rispose che avrebbe trovato, prima o poi, un modo per sconfiggerlo.

Regno di TeridaxModifica

Poco dopo i Toa Nuva risvegliarono il corpo di Mata Nui e Teridax prese così il controllo dell'universo. Ancora imprigionata, Helryx pensò che per fermare Teridax i Matoran dovessero cessare i loro lavori, portando così al deterioramento del suo corpo, ma capì che i Matoran non avrebbero mai fatto una cosa simile, perciò decise di sprigionare un'Esplosione Nova e tentare di distruggere la mente del Makuta, pur sapendo che ciò avrebbe potuto portare alla fine dell'intero universo. Prima che la Toa potesse mettere in atto il suo piano, TuyetLewaHafu e Kapura arrivarono nella sala. Lewa, come riferito da Tuyet, appariva piuttosto strano e si concentrò su Miserix, riuscendo poco dopo a liberarlo dalla sua illusione. Lewa spiegò in realtà di essere l'entità nota come Tren Krom nel corpo del Toa ed iniziò poi a lavorare sui macchinari del processore per provare ad inviare un messaggio a Mata Nui. Poco dopo anche Axonn e Brutaka tornarono nella sala. Helryx decise di proseguire il suo piano e con lei si schierarono Miserix e Axonn, desiderosi di uccidere Teridax definitivamente. Brutaka, Tren Krom e Tuyet invece, non potendo accettare di condannare l'interno universo alla distruzione, si schierarono contro di lei. Le due fazioni iniziarono a combattere, quando Artakha in persona si teletrasportò fra loro, rimproverando tutti per le loro folli azioni. Teridax intervenne poco dopo, teletrasportando tutti i presenti nello spazio aperto.

Spherus MagnaModifica

Il gruppo venne per fortuna salvato da Vezon, che lo localizzò ed aprì un portale nello spazio, con cui trasferì Helryx e gli altri su una fortezza di Bota Magna. Qui incontrarono un Grande Essere maledetto, impazzito ed incatenato al suolo. Mentre Mata Nui uccideva Teridax e riformava Spherus Magna, il grande essere, all'interno della fortezza, chiedeva ai presenti di essere liberato dalle sue catene. Il gruppo iniziò a discutere sul da farsi, mentre, all'esterno della struttura, Velika preparò ingenti quantità di esplosivi per distruggerla. Helryx e gli altri esseri biomeccanici lasciarono poco dopo la fortezza, mettendosi in salvo. Anche il grande essere, a loro insaputa, riuscì a fuggire.

Personalità e poteriModifica

Sebbene sia una Toa dell'acqua, Helryx è facilmente irritabile, impazziente e talvolta scontrosa. Per lei, il fine guistifica i mezzi: non importa come raggiungere un obiettivo, l'importante è farlo. Per questo, come detto da lei stessa, Helryx avrebbe tranquillamente reclutato nell'ordine prigionieri del pozzo o cacciatori oscuri, se l'avessero aiutata a sconfiggere la confraternita. Si sente inoltre esclusa dal Codice Toa, vincolo che impedisce ai Toa di uccidere i loro avversari. In quanto Toa dell'acqua, Helryx può assorbire, creare e controllare l'acqua. Ha più volte dimostrato di essere incredibilmente abile con i suoi poteri.

Maschera e strumentiModifica

Helryx indossa una Grande Maschera della Psicometria, con cui può vedere la storia di un oggetto semplicemente toccandolo. Porta con sé una mazza spinata e uno scudo, entrambi fatti di Protoacciaio.

CitazioniModifica

"Non era un Makuta, ma era indubbiamente antica e inquietantemente fragile all'apparenza. La sua maschera e la sua armatura erano sciupate e rovinate da migliaia di battaglie. Appariva come una Toa, ma l'aspetto della sua armatura e della sua maschera non ricordava niente che Takanuva avesse mai visto."

—Narratore, Swamp of Shadows

"Capiscilo, Takanuva. Siamo in guerra, forse lo siamo da quando la Confraternita ha attaccato Mata Nui, e in guerra non sempre puoi scegliere i tuoi alleati e testare prima per essere sicuro che siano abbastanza puri. Recluterei cacciatori oscuri e prigionieri del pozzo se pensassi che ciò potrebbe sconfiggere Makuta."

—Helryx a Takanuva, Swamp of Shadows

TriviaModifica

  • Helyx ha completato il destino e potrebbe cedere il suo Potere Toa per diventare Turaga.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale