FANDOM


"Ognuno era potente, armato e un veterano di molte battaglie. Coloro che li vedevano dicevano che facevano sembrare i Toa dei Rahi che strisciano sotto le rocce. Si vedevano come esseri superiori, predestinati a governare per via della loro forza e del loro intelletto superiori."

—Narratore, City of the Lost

Barraki ("signori della guerra" in lingua Matoran) erano i sei sovrani della Lega dei Sei Regni. A seguito di un attacco a sorpresa condotto dalla Confraternita dei Makuta, vennero sconfitti e condotti nel pozzo. Dopo migliaia di anni trascorsi imprigionati, i Barraki riuscirono a fuggire nell'oceano soprastante durante il Grande Cataclisma e vennero mutati dal Mutageno del Pozzo.

StoriaModifica

Pochi anni dopo la nascita dell'universoMata Nui affidò ai Barraki il comando sui suoi domini, affinché si occupassero di loro al posto suo. I Barraki tuttavia trasformarono i loro governi in dittature oppressive e si unirono militarmente, formando la Lega dei sei regni. Durante il dominio della Lega, pochissimi territori, tra cui Metru Nui e Artakha, rimasero liberi dalla loro oppressione. I Barraki, convinti di poter dominare per diritto divino, costrinsero la Confraternita dei Makuta a creare Rahi per i loro eserciti, ma i Makuta iniziarono a tenere attentamente d'occhio i Barraki e le loro azioni. Un giorno, i Barraki divennero talmente ambiziosi che decisero di rovesciare il dominio di Mata Nui. Uno di loro però, Takadox, vendette i piani della Lega alla confraternita, che organizzò quindi un esercito di Rahkshi e Toa, guidato da Teridax, che li fermasse. Teridax sconfisse così improvvisamente gli eserciti dei Barraki, che vennero catturati. Il Makuta ordinò la loro esecuzione, ma in quel momento Botar apparve e li teletrasportò nel pozzo. Negli anni seguenti, i regni dei Barraki e i loro eserciti si sgretolarono, mentre i loro nomi e le loro gesta vennero dimenticati. Dopo 80000 anni, Teridax tentò di fare ciò in cui i Barraki avevano fallito e ci riuscì in parte, causando il Grande cataclisma. Il terremoto distrusse il pozzo e Takadox uccise il ferito Hydraxon, dando così ai prigionieri e ai Barraki stessi l'occasione di scappare. I Barraki fuggirono verso l'oceano soprastante, dove però vennero mutati dal mutageno del pozzo e trasformati in orrende creature marine. Nonostante ciò, i sei ex sovrani iniziarono a ricostruire i loro eserciti sott'acqua ed ognuno divenne il leader di un gruppo di creature marine. Costruirono poi una nuova fortezza subacquea, che tuttavia venne alcuni anni dopo distrutta dal villaggio di Mahri Nui, che affondò proprio su di essa. Un migliaio di anni dopo il cataclisma, la maschera della vita affondò nel pozzo e i Barraki videro la Kanohi come la loro opportunità di ricostruire i loro domini.
Comic Barraki

I Barraki nel pozzo

Iniziarono quindi a cercarla dividendosi. Non erano però gli unici a cercare la maschera: un team di Toa, i Toa Mahri, seguì infatti l'artefatto da Voya Nui fino al pozzo e si alleò con i Matoran locali. Durante la ricerca, i Barraki trovarono la maschera nelle mani di Dekar e gliela strapparono, prendendone così possesso. Incontrarono poi gli appena arrivati Toa Mahri. I Toa, sebbene i Barraki si riferissero a loro come degli "ospiti",  vennero condotti e imprigionati in alcune caverne, dopodiché, non fidandosi l'uno dell'altro, i Barraki decisero di affindare temporaneamente la Kanohi a Nocturn, un loro alleato, affinché la custodisse al sicuro. Nocturn tuttavia scomparve poco dopo e i Toa fuggirono dalle loro prigioni, perciò i Barraki iniziarono a combattere i Mahri, pensando avessero la maschera. Mantax alla fine la recuperò e scoprì una prova che dimostrava che uno di loro, in passato, aveva venduto gli altri alla confraternita. Riunì quindi i Barraki e dimostrò la sua teoria, ma Takadox, che si rivelò essere il traditore, tentò di ucciderlo. Lo scontro venne fermato da Teridax, che si rivelò in possesso di un Maxilos. I Barraki lo attaccarono con le loro orde marine e distrussero il suo robot, partendo poi all'inseguimento dei Toa, che avevano ripreso la Ignika. Durante la battaglia con loro, però, Matoro fuggì con la maschera e poco dopo gli altri suoi compagni scomparvero nel nulla, lasciando i Barraki senza più speranza di fuggire. Nei giorni seguenti, tutti i Barraki vennero rintracciati e riposti nel pozzo dal nuovo Hydraxon, in realtà Dekar trasformato dalla Ignika. Carapar e Takadox scomparvero poco tempo dopo misteriosamente.
Comic Barraki Armies Oncoming

I Barraki all'inseguimento dei Toa Mahri

Gli altri quattro li dettero per morti, ma in realtà i due erano stati costretti dall'Ordine di Mata Nui ad unirsi ad una missione suicida, guidata da Brutaka, che aveva lo scopo di liberare Miserix dalla sua prigionia. Carapar morì durante la missione per mano del leggendario Tren Krom, mentre Takadox fuggì dal gruppo e rimase bloccato sull'isola di Artidax, che riuscì comunque a lasciare poco dopo ipnotizzando i Toa Mahri, giunti sull'isola con il Cuore dei Visorak, e usando la loro barca. Contemporaneamente, gli altri quattro Barraki rimasti nel pozzo vennero liberati per ordine di Helryx, affinché aiutassero l'ordine a sfasciare i domini della Confraternita dei Makuta. Assetati di vendetta e di terre da conquistare, i quattro formarono rapidamente dei nuovi eserciti. Pridak scoprì il piano di Teridax per conquistare l'universo ed anche il modo con cui utilizzare i suoi Virus. Inviò quindi Kalmah, Mantax ed Ehlek su Xia, dove strinsero un'alleanza con L'Oscuro e i Cacciatori Oscuri. L'oscuro possedeva infatti i virus, mentre i Barraki sapevano come utilizzarli contro Teridax, perciò il leader accettò di trattare i termini dell'alleanza con Pridak. Quando però Teridax prese il controllo dell'universo, l'oscuro scomparve e il piano dei Barraki fallì. Poco dopo Teridax venne ucciso da Mata Nui e i Barraki migrarono sulla riformata Spherus Magna. Qui Mata Nui ha utilizzato i suoi ultimi poteri per guarire la loro mutazione, rendendoli tutti anfibi.

MembriModifica

SetModifica

Barraki (1)

I Barraki come set

I Barraki sono stati tutti rilasciati come set medi nell'inverno del 2007. Noti per essere tra i primi set ad avere ognuno un metodo di costruzione diverso dall'altro, i Barraki possiedono tutti un Lancia-Calamari e alcuni Calamari marini.

CitazioniModifica

"Chiamano loro stessi Barraki -- è una parola Matoran che significa "signore della guerra". Risiedono nel profondo di uno strano mare, dove solo i più coraggiosi o i più stupidi oserebbero recarsi."

—Narratore, Mask of Life, Mask of Doom

"Getta un gruppo di tuoi nemici nella peggiore delle prigioni e loro forgeranno un legame solidissimo, perché condividono tutti la stessa miseria. Offrì però loro anche solo un bagliore di speranza di fuga e si ridurranno l'un l'altro a brandelli cercando di raggiungere l'uscita."

Teridax, Prisoners of the Pit

"I Barraki non hanno amici, solo persone che usano."

Brutaka, Federation of Fear


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale