FANDOM


"Per più di 100 secoli, ho guardato il volto del male ancora e ancora. Mi annoia."

—Axonn, Vengeance of Axonn

Axonn è un potente membro dell'Ordine di Mata Nui.

BiografiaModifica

Primi anniModifica

Axonn in origine era un membro della Mano di Artakha. Dopo lo scioglimento dell'organizzazione, Axonn si ritrovò senza più alcuno scopo ed iniziò a vagare per l'universo, conquistando tutto ciò che trovava sul suo cammino. Fu poi contattato da Hydraxon e si unì ad una nuova organizzazione, l'ordine di Mata Nui. Dopo diversi avventurosi incarichi, Axonn conobbe un altro membro dell'ordine, Brutaka, e i due divennero grandi amici. Vennero poi inviati presso il villaggio di Voya Nui per sorvegliare la Kanohi Ignika ed allo stesso tempo proteggere segretamente i Matoran del luogo.

Voya NuiModifica

Durante il Grande Cataclisma, Voya Nui si separò dal Continente Meridionale e divenne un'isola su Aqua Magna. Sia Axonn che Brutaka sopravvissero, ma Brutaka, dopo il disastro, si convinse che Mata Nui li aveva dimenticati, o peggio abbandonati. Axonn capì che Mata Nui era stato solo messo a riposo e sarebbe potuto essere risvegliato, convincendo Brutaka a proseguire il suo lavoro. Entrambi continuarono quindi in gran segreto a proteggere i Matoran. Durante una tempesta che colpì l'isola, Axonn salvò un Matoran di nome Kazi da una caduta, chiedendogli di non rivelare a nessuna della sua esistenza. Un giorno sull'isola arrivarono i sei Piraka e Axonn monitorò le loro azioni, rivelando poi a Balta la sua presenza e rivelandogli che i Toa Nuva, da poco giunti sull'isola, erano alleati dei Matoran. Quando però scoprì che Brutaka aveva tradito l'ordine e aveva sconfitto i Toa Nuva, Axonn iniziò a farsi prendere dall'ira e assaltò più volte i Piraka.
552px-AxonnAttackPiraka.png

Axonn combatte con Thok e Reidak

Quando incontrò Reidak e Thok, li attaccò e cercò di convincerli ad abbandonare la loro ricerca della Ignika, rivelando loro che Vezon l'aveva già trovata ed era diventato un suo guardiano. Mentre Axonn si preparava a sferrare ai Piraka il colpo di grazia, Brutaka lo attaccò però alle spalle e lo stese, dando a Thok e Reidak il tempo di fuggire. Axonn, sebbene gravemente ferito, raggiunse due dei Toa Inika e i Matoran, chiedendo loro di fermare Brutaka ad ogni costo. Si recò poi alla Roccaforte dei Piraka, dove era appena terminato uno scontro tra i Toa e i Piraka, durante la quale i poteri di Brutaka erano stati assorbiti da Thok e Hakann. Axonn si offrì volontario per seguire i Toa e fermare i due Piraka, ma essendo ancora ferito, venne convinto da Jaller a non farlo. Axonn accettò e donò allora al Toa una Zamor speciale, che avrebbe dovuto usare solo in caso di estrema necessità. Mentre i Toa partivano verso Hakann e Thok, Axonn rimase con Brutaka per assisterlo, cercando di convincerlo ad abbandonare la sua alleanza con i Piraka. Brutaka però rifiutò e, quando i suoi poteri gli ritornarono grazie ai Toa, ingaggiò un combattimento con Axonn. Durante lo scontro, Axonn capì l'inutilità dei suoi tentativi di ragionare con Brutaka e si scatenò completamente, sopraffacendo Brutaka. Axonn notò poi che lo sguardo di Brutaka era indirizzato verso la vasca di Antidermis, perciò scagliò contro di essa la sua ascia e la distrusse. Axonn sconfisse poi definitivamente il suo ex compagno e Botar apparve per portare nel pozzo lo sconfitto. Axonn protestò, convinto che ci fosse ancora del buono in lui, ma Botar gli disse che qualsiasi tentativo di fermarlo sarebbe stato punito allo stesso modo. I due lasciarono poi la roccaforte e si incontrarono con i Toa Nuva, appena liberati. Dissero loro che, se i Toa Inika fossero riusciti a recuperare la Ignika, per loro era giunto il tempo di risvegliare Mata Nui. Axonn dunque disse loro di recarsi nel Grande Tempio di Metru Nui e recuperare il Rotolo delle Preparazioni, una serie di missioni da svolgere prima di risvegliare il grande spirito. Axonn mostrò poi ai Toa Inika la corda, un passaggio con cui raggiungere rapidamente l'oceano e recuperare la Ignika. Si offrì inoltre volontario per proteggere i Matoran dell'isola dalla minaccia ancora presente dei Piraka. Axonn rimase quindi con i Matoran, convincendoli a rimanere sull'isola piuttosto che cercare di raggiungere Mahri Nui, di cui avevano scoperto l'esistenza. Quando un Tahtorak apparve sull'isola dal niente, Axonn chiamò a Botar, che lo teletrasportò altrove. Quando i Toa Mahri condussero i Matoran di Mahri Nui verso Voya Nui attraverso la corda, i Piraka, mutati, li attaccarono. Axonn assistette allo scontro e intervenì, tramortendo tutti i Piraka e portandoli via. Chiese poi ai Toa un po' di tempo prima di distruggere la corda, in modo da portare al sicuro i Matoran. Dopo aver salutato di nuovo i Toa, guidò così tutti i Matoran dell'isola nelle Caverne Nui e lì rimase con loro quando la corda fu distrutta e Voya Nui tornò nel continente meridionale.

Guerra contro la confraternitaModifica

Tempo dopo Axonn, nella Cintura Verde, si accorse della presenza di Krakua e del Sostituto di Botar, ma non riconoscendoli li attaccò. Krakua gli dimostrò di essere un membro dell'ordine, come Axonn verificò con la sua Rode, e lo teletrasportò su Daxia. Qui incontrò nuovamente Brutaka, che era stato liberato dal pozzo. Brutaka lo informò quindi dell'imminente guerra contro la Confraternita dei Makuta.
Comic Axonn.png

Axonn

Axonn e Brutaka furono inviati su Zakaz per cercare l'alleanza degli Skakdi contro la confraternita. Appena sbarcati, i due vennero attaccati e imprigionati dai soldati di un signore della guerra skakdi, Nektann. Chiesero quindi di essere portati al suo cospetto e lì mentirono, dicendo a Nektann di essersi già alleati con tutti gli altri leader dell'isola. Nektann non poté fare altro che accettare la loro proposta di alleanza. Axonn, Brutaka e Nektann, seguiti da un esercito di skakdi, si recarono quindi nelle Isole Meridionali per combattere un esercito di Rahkshi lì presente. Mentre gli skakdi combattevano le truppe della confraternita, Axonn e Brutaka scoprirono sull'isola la pozza di Antidermis da cui tutti i Makuta erano stati creati. Mentre i due discutevano sulla possibilità di distruggerla, la sostanza esplose addosso a loro. Axonn, prima di annegare, fu tratto in salvo da Brutaka, che si era unito mentalmente alla sostanza ed aveva assunto strani poteri. Brutaka iniziò a blaterare parole incomprensibili, legate a Spherus Magna e alla frantumazione, dopodiché si teletrasportò con Axonn nel Processore del Nucleo, dove erano già presenti i Toa HagahHelryxMiserixZaktan e Keetongu. Quando che Axonn ebbe riassunto la loro avventura, Teridax rivelò la sua presenza e distrusse la Olmak di Brutaka, dopodiché generò un'onda sonica, con cui uccise apparentemente Zaktan. 

Regno di Teridax e Spherus MagnaModifica

Miserix tentò di distruggere i macchinari della sala, ma fu fermato da Brutaka, che rivelò che loro si trovavano nella mente di Mata Nui. Axonn, Brutaka e Keetongu vennero poi teletrasportati da Teridax in una sperduta zona delle isole meridionali. Teridax creò poi un'illusione nella mente di Axonn, convincendolo che lui si trovava in un deserto e Brutaka gridava aiuto da lontano, ma lui non era mai in grado di raggiungerlo.
Promo Art Axonn.png

Axonn

Dopo essersi liberato dall'illusione, Axonn tornò con Brutaka, che aveva assunto la capacità di teletrasportarsi grazie all'antidermis, nel processore del nucleo. Qui erano presenti anche Helryx, Miserix, Tren Krom e Tuyet. Tra di loro scoppiò un accesso dibattito sull'opzione di distruggere la mente di Teridax e con essa l'interno universo. Axonn si schierò con Helryx  e Miserix contro Brutaka, Tuyet e Tren Krom (nel corpo di Lewa), ma prima che potesse cominciare una battaglia, Artakha si teletrasportò nella sala. Artakha fermò il combattimento e Teridax ordinò loro di lasciare la sala, ma Axonn rifiutò. Tutti i presenti vennero quindi teletrasportati dal Makuta nello spazio, dove Lewa creò delle bolle d'aria intorno a tutti per permettere loro di respirare. Vennero poi salvati da Vezon, che aprì un portale intorno a loro e li condusse in una fortezza su Bota Magna. Axonn costrinse Vezon a rivelare dove si trovassero e lo skakdi li guidò in un'altra sala, in cui si trovava, incatenato, un Grande Essere maledetto. Il grande essere chiese loro di essere liberato e i presenti iniziarono a discutere se farlo o meno. Intanto, all'esterno della fortezza, Velika piazzò diversi esplosivi per eliminare Axonn e gli altri. Axonn e gli altri esseri biomeccanici lasciarono però la fortezza e, a loro insaputa, fuggì anche il grande essere.

Abilità, caratteristiche e personalitàModifica

Axonn è un essere estremamente potente, con una grande varietà di poteri. È noto per avere una forza bruta eccezionale, che è notevolmente migliorata quando Axonn è infuriato. Possiede dei poteri curativi limitati, che però non possono essere applicati a tutti, ed è in grado di creare dei cambi di stasi intorno al bersaglio. Axonn può anche generare raggi di energia pura altamente distruttivi, che può incanalare attraverso la sua ascia. Come tutti i membri dell'ordine di Mata Nui, possiede anche una schermatura mentale contro illusioni e assalti. Axonn, inoltre, può generare scosse elettriche ed è immune agli effetti dell'antidermis. Axonn è molto legato al suo compito e confida molto nel grande spirito. Dopo il grande cataclisma, a differenza di Brutaka, è infatti rimasto fedele alla sua missione. È molto amico di Brutaka ed anche nei momenti più difficili è rimasto convinto che Brutaka non fosse completamente perduto.

Maschera e strumentiModifica

Axonn indossa una grande Kanohi Rode, con cui può vedere se qualcuno dice il vero o sta mentendo. Porta con sé una gigantesca ascia da battaglia, fatta di Protoacciaio.

SetModifica

486px-Set Axonn.png

Axonn nel libro delle istruzioni

Axonn è stato rilasciato nell'estate del 2006 come set titano. Il suo codice era 8733 e conteneva 196 pezzi. Poteva essere combinato con Brutaka (8734) per creare Botar, oppure con Brutaka e Vezon & Fenrakk (8764) per creare Vezon & Kardas. I suoi pezzi, insieme a quelli degli altri due titani, sono stati poi rilasciati nel set di Vezon & Kardas, sempre del 2006, con codice 10204.

CitazioniModifica

"Tu sei pazzo, Axonn! Non realizzi che stai combattendo per una causa persa!?"

"Forse, ma non realizzi che queste sono le uniche cause per cui valga la pena combattere!?"

—Brutaka e Axonn, Inferno

"Le cose devono essere disperate se hanno chiamato in aiuto un vecchio catorcio come te."

—Brutaka a Axonn, Destiny War

"Proprio come ai vecchi tempi. Ora ricordo perché li odiavo così tanto."

—Axonn, Destiny War

TriviaModifica

  • Axonn ha donato a Brutaka la sua spada rotante a due lame.


Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale